Ahimè anche lo YOTA Subregional Camp 2018 si è concluso…

Sulla scia del grande successo degli YOTA Camp degli ultimi anni, nel 2018 si è pensato di aggiungere altre due sub-occasioni per far incontrare giovani OM (e futuri OM) oltre al grande evento che si terrà in Sudafrica il prossimo mese. I due subregional camp si sono svolti dal 1 al 4 marzo a Sundsvall in Svezia e dal 21 al 24 giugno a Montecassino (FR) per dare la possibilità al maggior numero possibile di ragazzi del team di poter partecipare.

Ospiti della sezione ARI di Cassino si sono riuniti una trentina di giovani provenienti da Italia, Olanda, Croazia, Ungheria e Spagna, in una suggestiva location tra i monti attorno a Cassino, a pochi passi dalla famosa (e mozzafiato) abbazia di Montecassino e dal cimitero polacco

Per l’occasione è stata allestita una stazione che consentisse a chiunque di poter operare dai 160 fino ai 2m in qualsiasi modo, con una verticale multibanda di IK0ZIO, una Spiderbeam 5 bande e due direttive per 2 e 6m.

Per l’occasione è stato anche richiesto il nominativo speciale II0YOTA, a disposizione di tutti i presenti e con cui si sono fatte diverse migliaia di collegamenti in tutto il mondo in ogni banda.

il Camp è stata anche l’occasione per far conoscere il mondo della radio agli scout di Cassino, con attività sul codice Morse e qualche QSO in fonia sotto l’occhio vigile degli organizzatori, Alex IV3KKW e Silvio IZ5DIY



Tra le varie attività svolte, tra cui una radiocaccia in 80m, escursioni nella Abbazia e tanta, ma davvero tanta radio, l’aspetto fondamentale di tutti i Camp è socializzare: ragazzi provenienti da nazioni diverse, con usi e costumi, lingue e background apparentemente diversi ma uniti tutti da un’unica passione che si ritrovano a passare una manciata di giorni in compagnia dove scambiarsi idee, consigli, raccontare storie ed esperienze, perchè che l’idea piaccia o meno, il futuro della radio siamo noi!


Un sentito ringraziamento a tutto lo staff di IQ0MA Cassino, tutti gli sponsor ma soprattutto ai due pilastri di YOTA Italia ovvero Silvio IZ5DIY e Alex IV3KKW, oltre a tutti i giovani colleghi OM che hanno reso tutto questo possibile.

A Presto!

Stay Young, Stay YOTA!

Precedente Caro Radioamatore Successivo Interfaccia per Rotori Azimutali con Arduino Nano

Lascia un commento